Museo virtuale di Fisica - Museo Traversi
Scheda strumento
UK flag - Modifica questo strumento


Strumento Nº - Criterio di selezione Stampa scheda ufficiale

Polariscopio di Arago
Datazione1842 - 1843
CostruttoreJean-Baptiste Soleil (1798-1878)
Lo strumento, firmato "Soleil rue de l'Odéon à Paris", veniva utilizzato per studiare la luce polarizzata e metterne in evidenza alcune importanti proprietà e applicazioni. Jean-Baptiste Biot (1774-1862) implementò lo strumento ideato da Dominique F. Arago (1786 - 1853), lo scienziato che scoprì la polarizzazione cromatica e rotatoria della luce, che fu commercializzato dal famoso e quotato costruttore di strumenti ottici Soleil.
Pagina del Museo Virtuale Polariscopio di Arago
CataloghiVoce
Inv. 2016 737Polariscopio di Arago          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a137Polariscopio di Biot
Inv. 1870195Polariscopio di Biot
Inv. 1838578Polariscopio di Arago
Sezioneottica
VetrinaH
Stato di
conservazione
Incompleto
Funzionamento NV
Integro R
Larghezza40 cm
Profondità11 cm
Altezza54 cm
Materiali ottone, piombo, vetro, lacca, sughero, cristalli
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1913, Vol. 2, pag. 654, fig. 538.
Despretz C., Traité élémentaire de physique, Méquignon-Marvis, Libraire-éditeur, Paris, 1832, pag. 728, Tav. 15, fig. 473.
Giordano G., Trattato elementare di fisica sperimentale e di fisica terrestre, Stabilimento tipografico di Federico Vitale, Napoli, 1862, Vol. 2, pag. 308, fig. 277.
Jamin J., Piccolo trattato di fisica, B. Pellerano, Napoli, 1880, pag. 681, fig. 710.
Matteucci C., Lezioni di fisica, Rocco Vannucchi, Pisa, 1847, pag. 528, Tav. 3, fig. 70.
Milani G., Corso elementare di fisica e meteorologia, Editori della biblioteca utile, Milano, 1869, Vol. 7, pag. 295, fig. 160.
Restauri
1) Restauro presso il Laboratorio del restauro dello strumento di interesse storico - Lotto I. Università degli Studi di Urbino, dal 21/09/2009 al 30/09/2010, Urbino;
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.