Museo virtuale di Fisica - Museo Traversi
Scheda strumento
UK flag - Modifica questo strumento


Strumento Nº - Criterio di selezione Stampa scheda ufficiale

Pendolo perpetuo di Zamboni
Datazione1829 - 1830
Più che un vero strumento scientifico si trattava di un oggetto ludico dal nome di "Pendolo di Zamboni" con "motore" le cosiddette "pile a secco", inventate nel 1812 da Giuseppe Zamboni (1776-1846). I dischi di ottone, collegati al polo superiore di ciascuna pila, erano a cariche contrapposte. Tra di essi oscillava un anello conduttore montato su un asta di vetro. Tale asta costituiva la parte superiore di un pendolo (andato perduto) sostenuto dall'elemento centrale foggiato a colonna. In alcuni esemplari il moto è continuato ininterrottamente per circa un secolo!
Pagina del Museo Virtuale Pendolo perpetuo di Zamboni
CataloghiVoce
Inv. 2016 452Pendolo perpetuo di Zamboni          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a185Vecchi apparati con pile secche
Inv. 1870270Vecchi apparati con pile secche
Inv. 1838462aUn movimento oscillatorio verticale del Zamboni, con altre due pile a secco
Inv. 1818550Un movimento oscillatorio verticale del Zamboni, con altre due pile a secco
Sezioneelettrostatica
VetrinaN
Stato di
conservazione
Incompleto
Non funzionante
Danneggiato R
Larghezza27 cm
Profondità12 cm
Altezza46 cm
Materiali stagno, legno, vetro, mastice, seta, lacca
Fonti
Besso B., Le grandi invenzioni antiche e moderne, Fratelli Treves, Milano, 1875, Vol. 3, pag. 96, fig. 108.
Despretz C., Traité élémentaire de physique, Méquignon-Marvis, Libraire-éditeur, Paris, 1832, pag. 450, Tav. 9, fig. 258.
Milani G., Corso elementare di fisica e meteorologia, Editori della biblioteca utile, Milano, 1869, Vol. 6, pag. 22, fig. 10.
Zamboni G., Sull'elettromotore perpetuo istruzione teorico-pratica, Giuseppe Antonelli, Verona, 1843, pag. 85, Tav. II, fig. 24/26.
Prestiti concessi
1) Napoleone a Campoformido: armi, diplomazia e società in una regione d'Europa. Villa Manin, dal 12/10/1997 al 11/01/1998, Passariano del Friuli (UD);
Restauri
1) Restauro presso il Laboratorio del restauro dello strumento di interesse storico - Lotto I. Università degli Studi di Urbino, dal 21/09/2009 al 30/09/2010, Urbino;
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.