Museo virtuale di Fisica - Museo Traversi
Scheda strumento
UK flag


Strumento Nº - Criterio di selezione Stampa scheda ufficiale

Igrometro di Saussure
Datazioneottobre 1889
Alcune sostanze organiche come i capelli hanno la caratteristica di allungarsi o di accorciarsi in funzione della quantità di acqua da esse assorbita. Sfruttando questo fenomeno si può costruire un igrometro detto ad assorbimento o più noto col nome del suo costruttore (1783), Horace Bénédict de Saussure (1740-1799), o più semplicemente detto "igrometro a capello". Le variazioni di lunghezza del capello erano evidenziate da un ago mobile che faceva anche da indice, muovendosi su una scala graduata da 0 (assenza d'umidità) a 100 (massima umidità). Il pesetto per la trazione del capello è andato purtroppo perduto, così come il capello.
Pagina del Museo Virtuale Igrometro di Saussure
CataloghiVoce
Inv. 2016341Igrometro di Saussure          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a341Igrometro di Saussure
Inv. 1870580Igrometro di Saussure
Sezionetermodinamica
VetrinaNon esposto
Stato di
conservazione
Incompleto
Non funzionante
Integro
Larghezza 
Profondità 
Altezza 
Materiali ottone, zinco, mercurio, vetro, lacca
Fonti
Biot G.B., Trattato elementare di fisica sperimentale, Tipografia del giornale enciclopedico, Napoli, 1818, Vol. 2, pag. 224, Tav. III, fig. 66
Bouchardat A., Physique élémentaire avec ses principales applications, Germer Baillière, Paris, 1851, pag. 188, fig. 77
Cantoni P., Igriscopii, igrometri, umidità atmosferica, Hoepli, Milano, 1887, pag. 21, fig. 5
Clerc A., Fisica popolare, Edoardo Sonzogno, Milano, 1885, pag. 504, fig. 377
Daguin P. A., Cours de physique élémentaire avec les applications a la météorologie , E. Privat, Toulouse, 1863, pag. 372, fig. 382
Despretz C., Traité élémentaire de physique, Méquignon-Marvis, Libraire-éditeur, Paris, 1832, pag. 240, Tav. 5, fig. 126b
Drion Ch. - Fernet E., Traité de physique élémentaire, G. Masson éditeur, Paris, 1877, pag. 286, fig. 260
Galileo Officine, Apparecchi per l'insegnamento della fisica, Officine Galileo, Firenze, 1929, pag. 221, fig. 5532
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1861, pag. 231, fig. 203
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1883, pag. 285, fig. 305
Giordano G., Trattato elementare di fisica sperimentale e di fisica terrestre, Stabilimento tipografico di Federico Vitale, Napoli, 1862, Vol. 1, pag. 353, fig. 216
Jamin J., Piccolo trattato di fisica, B. Pellerano, Napoli, 1880, pag. 763, fig. 729
Magrini R., Apparecchi per l'insegnamento della fisica, Officine Galileo, Firenze, 1940, pag. 129, fig. E676
Privat Deschanel A. - Pichot, Trattato elementare di fisica, Fratelli Dumolard, Milano, 1871, pag. 341, fig. 302
Ròiti A., Elementi di fisica, Le Monnier, Firenze, 1908, Vol. 1, pag. 552, fig. 392
Zantedeschi F., Trattato del calorico e della luce, Tipografia Armena S. Lazzaro, Venezia, 1846, Vol. 1, pag. 392, Tav. III, fig. 56
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.