Museo virtuale di Fisica - Museo Traversi
Scheda strumento
UK flag


Strumento Nº - Criterio di selezione Stampa scheda ufficiale

Pile Grenet
Datazione1892
Il dispositivo, noto col nome di pila Poggendorff - Grenet, era una pila che utilizzava come elettrodi una lamina di zinco (polo negativo) e un pezzo di carbone (polo positivo). Fu inventata intorno al 1850. Il conduttore di seconda classe (la soluzione) era il triossido di cromo.
Pagina del Museo Virtuale Pile Grenet
CataloghiVoce
Inv. 2016598Pile Grenet          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a347Pile Grenet grande modello
Inv. 1870592Pile Grenet grande modello
Sezioneelettrochimica
VetrinaN
Stato di
conservazione
Completo
Funzionamento X
Integro
Diametro17.0 cm
Altezza31.0 cm
Materiali ottone, zinco, legno, vetro, carbone
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1925, Vol. 4, pag. 313, fig. 203
Cazin A., Traité théorique et pratique des piles électriques, Gauthier-Villars, Paris, 1881, pag. 153, fig. 50
Clerc A., Fisica popolare, Edoardo Sonzogno, Milano, 1885, pag. 829, fig. 582
Galileo Officine, Apparecchi per l'insegnamento della fisica, Officine Galileo, Firenze, 1929, pag. 187, fig. 5446
Martinelli M., Le pile elettriche e loro applicazioni, E. Bignami & C., Milano, 1910, pag. 281, fig. 75
Murani O., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei e degli istituti tecnici, Heopli, Milano, 1906, Vol. 2, pag. 396, fig. 350
Pinto L., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei, Cav. Antonio Moreno editore, Napoli, 1892, pag. 590, fig. 554
Premoli P., Nuovo dizionario illustrato di elettricit&agreve; e magnetismo, Soc. Editrice Sonzogno, Milano, 1904, Vol. 2, pag. 83, fig. 1244
Privat Deschanel A. - Pichot, Trattato elementare di fisica, Fratelli Dumolard, Milano, 1871, pag. 494, fig. 453
Ròiti A., Elementi di fisica, Le Monnier, Firenze, 1908, Vol. 2, pag. 234, fig. 157
Resti E., Catalogo generale di apparecchi per l'insegnamento della fisica, Ditta Emilio Resti di Franco Brambilla, Pubblicazi, Milano, 1930, pag. 77, fig. 385
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.