Immagine Immagine


Sirena di Cognard de La Tour
Datazione1844 - 1845
La sirena era un apparato che serviva per determinare il numero di vibrazioni di un corpo sonoro in un dato tempo ovvero l'altezza del suono (frequenza o, se si vuole, la nota). Il nome sirena trae la sua origine dal fatto che questi dispositivi erano in grado di emettere suoni anche sott'acqua e quindi soffiando acqua, oltre che l'aria atmosferica. Lo strumento esposto funzionava ad aria. Lo strumento venne inventato nel 1820 da Charles Cognard de La Tour (1777-1859) e poi modificato.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/sirenadelatour.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 605Sirena di Cognard de La Tour          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a99Sirena di Cognard de La Tour
Inv. 1870147Sirena di Cognard de La Tour
Inv. 1838590Sirena acustica con soffieria
Sezioneacustica
VetrinaI
Stato di
conservazione
Completo
Funzionante D
Integro
Larghezza52 cm
Profondità41 cm
Altezza22 cm
Materiali ottone, acciaio, legno, vetro, cuoio, lacca
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1923, Vol. 2, pag. 99, fig. 65.
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1913, Vol. 2, pag. 62, fig. 50.
Bouchardat A., Physique élémentaire avec ses principales applications, Germer Baillière, Paris, 1851, pag. 101, fig. 47.
Clerc A., Fisica popolare, Edoardo Sonzogno, Milano, 1885, pag. 624, fig. 456.
Despretz C., Traité élémentaire de physique, Méquignon-Marvis, Libraire-éditeur, Paris, 1832, pag. 808, Tav. 16, fig. 504.
Drion Ch. - Fernet E., Traité de physique élémentaire, G. Masson éditeur, Paris, 1877, pag. 563, fig. 525.
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1861, pag. 141, fig. 128.
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1883, pag. 160, fig. 174.
Giordano G., Trattato elementare di fisica sperimentale e di fisica terrestre, Stabilimento tipografico di Federico Vitale, Napoli, 1862, Vol. 1, pag. 252, fig. 165.
Jamin J., Piccolo trattato di fisica, B. Pellerano, Napoli, 1880, pag. 504, fig. 462.
Matteucci C., Lezioni di fisica, Rocco Vannucchi, Pisa, 1847, pag. 128, Tav. 3, fig. 66.
Milani G., Corso elementare di fisica e meteorologia, Editori della biblioteca utile, Milano, 1869, Vol. 3, pag. 153, fig. 85.
Murani O., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei e degli istituti tecnici, Heopli, Milano, 1906, Vol. 1, pag. 380, fig. 324.
Pinto L., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei, Cav. Antonio Moreno editore, Napoli, 1892, pag. 233, fig. 272.
Privat Deschanel A. - Pichot, Trattato elementare di fisica, Fratelli Dumolard, Milano, 1871, pag. 615, fig. 588.
Ròiti A., Elementi di fisica, Le Monnier, Firenze, 1908, Vol. 1, pag. 316, fig. 262.
Zambra B., I principj e gli esperimenti della fisica, Francesco Vallardi, Milano, 1854, Vol. 2, pag. 311, fig. 245.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.