Immagine Immagine


Prisma di Burlini
DatazioneAntecedente 1818 (II metà XVIII sec.)
CostruttoreBiagio Burlini (1709-1771)
Si trattava di uno strumento molto semplice per riprodurre l'esperimento condotto da Isaac Newton (16421727) nel 1666 sulla scomposizione della luce solare nelle sue componenti cromatiche. Un tale fenomeno è noto con il nome di dispersione della luce. Apparteneva alla collezione privata dell'Abate Traversi, in quanto raffigurato in una tavola (volume di ottica) del suo trattato.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/prismalegno.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 713Prisma di Burlini          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a112Vecchio prisma su piede di legno
Inv. 1870167Vecchio prisma su piede di legno
Inv. 183892Prisma nitidissimo del Burlini incassato in ottone con montatura in noce
Inv. 1818123Prisma nitidissimo del Burlini incassato in ottone con montatura in noce
Sezioneottica
VetrinaH
Stato di
conservazione
Completo M
Funzionante D
Integro
Larghezza21 cm
Profondità14 cm
Altezza26 cm
Materiali ottone, legno, vetro
Fonti
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1861, pag. 330, fig. 298.
Nollet J.A., Lezioni di fisica sperimentale, Giambattista Pasquali, Venezia, 1762, Vol. 5, pag. 212, Tav. XVII/1, fig. 2.
sGravesande G. J., Physices elementa mathematica, experimentis confirmata, J. A. Langerak, J. et H. Verbeek, Leida, 1742, Vol. 2, pag. 888, Tav. CXI, fig. 1.
Traversi A. M., Elementi di fisica generale, Antonio Curti, Venezia, 1822, Vol. 7, pag. 225, Tav. VI, fig. 109.
Prestiti concessi
1) Il Foscarini nell'800; la vita scolastica del primo Liceo veneziano nel XIX secolo. Salone della Cassa di Risparmio di Venezia, dal 15/06/2004 al 09/07/2004, Venezia;
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.