Immagine Immagine


Apparecchio per la dimostrazione delle forze parallele
Datazione1868 - 1874
L'apparato ha il compito di verificarle empiricamente per tentativi nel caso di forze tutte caratterizzate dalla stessa direzione (quella perpendicolare al suolo, da cui il nome dello strumento) le equazioni cardinali della statica. Se le masse complessivamente ancorate non soddisfano entrambe le equazioni cardinali della statica (equilibrio verticale e alla rotazione), l'asta d'ottone trasla in direzione verticale e/o ruota.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/forzeparall.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 106Apparecchio per la dimostrazione delle forze parallele          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a23Apparecchio per la dimostrazione delle forze parallele
Inv. 187024Apparecchio per la dimostrazione delle forze parallele
Sezionemeccanica
VetrinaC
Stato di
conservazione
Completo M
Funzionante D
Integro
Larghezza42 cm
Profondità18 cm
Altezza39 cm
Materiali ottone, legno, spago
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1922, Vol. 1, pag. 65, fig. 37.
Murani O., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei e degli istituti tecnici, Heopli, Milano, 1906, Vol. 1, pag. 80, fig. 39.
Pinto L., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei, Cav. Antonio Moreno editore, Napoli, 1892, pag. 42, fig. 40.
Ròiti A., Elementi di fisica, Le Monnier, Firenze, 1908, Vol. 1, pag. 43, fig. 27.
sGravesande G. J., Physices elementa mathematica, experimentis confirmata, J. A. Langerak, J. et H. Verbeek, Leida, 1742, Vol. 1, pag. 54, Tav. VIII, fig. 3.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.