Immagine Immagine


Elettroscopio
Datazione1868 - 1874
L'elettroscopio era il più sensibile dispositivo elettrostatico in grado di rilevare la presenza di cariche elettriche su di un corpo. Per aumentare la sensibilità dell'elettroscopio Alessandro Volta (1745-1827) ebbe la geniale idea di unire il condensatore a piatti, di sua invenzione (1780), a un elettroscopio: egli inventò così nel 1781 l'elettroscopio condensatore.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/elettroscopio251.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 439Elettroscopio          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a182Elettrometro di Volta
Inv. 1870251Elettrometro di Volta
Sezioneelettrostatica
VetrinaNon esposto
Stato di
conservazione
Incompleto
Funzionante
Integro
Diametro13.0 cm
Altezza30.0 cm
Materiali ottone, oro, vetro, mastice
Fonti
Daguin P. A., Cours de physique élémentaire avec les applications a la météorologie , E. Privat, Toulouse, 1863, pag. 469, fig. 464.
Drion Ch. - Fernet E., Traité de physique élémentaire, G. Masson éditeur, Paris, 1877, pag. 355, fig. 306.
Premoli P., Nuovo dizionario illustrato di elettricit&agreve; e magnetismo, Soc. Editrice Sonzogno, Milano, 1904, Vol. 1, pag. 353, fig. 519.
Prestiti concessi
1) Napoleone a Campoformido: armi, diplomazia e società in una regione d'Europa. Villa Manin, dal 12/10/1997 al 11/01/1998, Passariano del Friuli (UD);
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.