Immagine Immagine


Prisma ad angolo variabile
Datazione1845 - 1846
CostruttoreCarlo Dell'Acqua (1806-187?)
L'uso principale di questo strumento era quello di dimostrare che l'angolo di deviazione del raggio luminoso che incide su un prisma aumenta con l'angolo rifrangente (angolo al vertice) del prisma stesso. Il pezzo è firmato "C. Dell'Acqua a Milano".
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/prismaavar.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 761Prisma ad angolo variabile          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a238Prisma ad angolo variabile
Inv. 1870389Prisma ad angolo variabile
Inv. 1838701Prisma ad angolo variabile
Sezioneottica
VetrinaH
Stato di
conservazione
Completo
Non funzionante
Danneggiato
Larghezza18 cm
Profondità13 cm
Altezza43 cm
Materiali ottone, piombo, vetro, cuoio, lacca
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1913, Vol. 2, pag. 221, fig. 174.
Bouchardat A., Physique élémentaire avec ses principales applications, Germer Baillière, Paris, 1851, pag. 404, fig. 153.
Clerc A., Fisica popolare, Edoardo Sonzogno, Milano, 1885, pag. 992, fig. 703.
Drion Ch. - Fernet E., Traité de physique élémentaire, G. Masson éditeur, Paris, 1877, pag. 658, fig. 612.
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1883, pag. 387, fig. 408.
Giordano G., Trattato elementare di fisica sperimentale e di fisica terrestre, Stabilimento tipografico di Federico Vitale, Napoli, 1862, Vol. 2, pag. 251, fig. 231.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.