Immagine Immagine


Dispositivo per lo schiacciamento
DatazioneAntecedente 1818
Lo strumento, ideato nel XVIII secolo, evidenzia in modo interessante lo schiacciamento (deformazione) elastico dei corpi che si sviluppa nell'impatto con una superficie dura, in questo caso di marmo nero ben levigata e ricoperta di un sottilissimo velo di olio. Se la sfera d'avorio (del diametro di 3,5 cm) fosse perfettamente rigida, la zona di contatto sarebbe puntiforme. Invece l'impronta lasciata sulla superficie è una piccola aureola circolare, segno dell'avvenuta deformazione elastica del corpo, nonostante la sua durezza. In passato questo dispositivo faceva parte del corredo della colonna di s'Gravesande (la palla reca i segni della presenza di un anello per appenderla a un filo).
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/pallaschiacc.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 101Dispositivo per lo schiacciamento          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a4Piano di marmo con palla d'avorio per mostrare lo schiacciamento
Inv. 18704Piano di marmo con palla di avorio per mostrare lo schiacciamento
Inv. 1838452Colonna di Gravesand
Inv. 181837Colonna di Gravesand
Sezionemeccanica
VetrinaC
Stato di
conservazione
Incompleto
Funzionante
Danneggiato
Larghezza16 cm
Profondità16 cm
Altezza3 cm
Materiali legno, avorio, lavagna
Fonti
Nollet J.A., Lezioni di fisica sperimentale, Giambattista Pasquali, Venezia, 1762, Vol. 1, pag. 75, Tav. II/2, fig. 7.
Traversi A. M., Elementi di fisica generale, Antonio Curti, Venezia, 1822, Vol. 1, pag. 114, Tav. II, fig. 14.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.