Immagine Immagine


Tubo di Kundt
Datazionenovembre 1881
Questo strumento, ideato nel 1866 nell'ambito di studi sulle onde sonore stazionarie nei tubi dal fisico tedesco August A. Kundt (1838-1894), serviva a determinare la velocità del suono nei vari aeriformi. Inserita della polvere di licopodio nel tubo, si aggiungeva il gas da studiare. Esso veniva inserito nel tubo di vetro attraverso due rubinetti d'ottone. Il tubo è chiuso alle estremità con due sistemi a tenuta con stantuffo, lo state di uno dei quali, in vetro, sporge. Fissatolo a una morsa, si mette in vibrazione longitudinale per sfregamento tale tratto sporgente: quando con piccoli accomodamenti dello stantuffo libero si ottiene che la distanza tra i due stantuffi è un multiplo esatto di quella dell'onda stazionaria entro il tubo, la polvere di licopodio saltella vistosamente andando a raccogliersi presso i nodi. Dalla distanza tra due nodi, nota la velocità di propagazione del suono nell'aria, si risale alla velocità del suono nel gas in esame.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/tubokundt.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 625Tubo di Kundt          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a284Tubo di Kundt
Inv. 1870490Tubo di Kundt
Sezioneacustica
VetrinaJ
Stato di
conservazione
Completo
Funzionamento NV
Integro
Larghezza74 cm
Profondità6 cm
Altezza3 cm
Materiali ottone, vetro, cuoio
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1923, Vol. 2, pag. 122, fig. 78.
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1913, Vol. 2, pag. 112, fig. 87.
Murani O., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei e degli istituti tecnici, Heopli, Milano, 1906, Vol. 1, pag. 414, fig. 363.
Perucca E., Fisica generale e sperimentale, Unione Tipografico-Editrice Torinese, Torino, 1937, Vol. 1, pag. 467, fig. 495.
Ròiti A., Elementi di fisica, Le Monnier, Firenze, 1908, Vol. 1, pag. 339, fig. 288.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.