Immagine Immagine


Elettrometro di Thomson modificato da Mascart
Datazioneottobre 1883
Costruttore Ruhmkorff
Si tratta di un sensibilissimo elettrometro, detto a quadranti sulla base delle sue modalità costruttive, descritto per la prima volta nel 1867 William Thomson (1842-1907, dal 1892 Lord Kelvin). Eleuthère E. N. Mascart (1837-1908) apportò al modello di Thomson alcune semplici modifiche. Lo strumento è firmato "Ateliers Ruhmkorff I. Carpentier Ing.r Const.r Paris 629". Per funzionare richiedeva l'impiego di una pila e di un sistema canocchiale-scala graduata (il cosiddetto metodo della leva ottica), per evidenziare e misurare la rotazione dello specchio all'interno dello strumento. Tra la fine dell'Ottocento e gli anni Trenta questo dispositivo fu l'elettrometro più diffuso per misurare differenze di potenziale. Nei primi modelli, come questo, le oscillazioni dell'equipaggio mobile venivano rapidamente smorzate sfruttando la viscosità del'acido solforico concentrato posto in un piccolo recipiente di vetro adagiato sul fondo.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/elethomson.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 467Elettrometro di Thomson modificato da Mascart          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a300Elettrometro di Thomson modificato da Mascart
Inv. 1870516Elettrometro di Thomson modificato da Mascart
Sezioneelettrostatica
VetrinaQ
Stato di
conservazione
Completo
Funzionamento NV
Integro
Diametro21 cm
Altezza34 cm
Materiali
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1925, Vol. 4, pag. 14, fig. 14.
Drion Ch. - Fernet E., Traité de physique élémentaire, G. Masson éditeur, Paris, 1877, pag. 357, fig. 309.
Joubert J., Traité Élémentaire d'electricité, G. Masson Éditeur, Paris, 1889, pag. 83, fig. 63.
Murani O., Trattato elementare di fisica compilato ad uso dei licei e degli istituti tecnici, Heopli, Milano, 1906, Vol. 2, pag. 372, fig. 328.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.