Immagine Immagine


Apparato per il fulmine
Datazione1892
Si tratta di un semplice dispositivo per sperimentare con le scariche elettriche, che di fatto sono dei fulmini in minatura. Dal punto di vista elettrostatico il fenomeno impiegato e mostrato è quello del cosiddetto effetto delle punte, in corrispondenza delle quali si ha l'intensificazione del campo elettrostatico. Avvicinando la punta al conduttore di una macchina elettrostatica, la scarca elettrica avverrà tra questo e la punta stessa, anche se ci si sposta un po'. Inoltre, al buio, si vedrebbero dei pennacchi luminosi, "immagine esatta di quello che si produce qualche volta alla punta dei parafulmini nei tempi di forte uragano" (fonte citata). L'asta d'ottone è telescopica e può raggiungere l'allungamento massimo di 165 cm.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/appfulmine.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 473Apparato per il fulmine          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a357Apparato per il fulmine
Inv. 1870612Apparato per il fulmine
Sezioneelettrostatica
VetrinaNon esposto
Stato di
conservazione
Completo
Funzionante
Integro
Diametro2 cm
Altezza73 cm
Materiali ottone, vetro
Fonti
Privat Deschanel A. - Pichot, Trattato elementare di fisica, Fratelli Dumolard, Milano, 1871, pag. 475, fig. 434.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.