Immagine Immagine


Disco di Newton
Datazione5 aprile 1899
Lo strumento serviva a dimostrare che la luce bianca è formata dalla fusione dei colori che costituiscono lo spettro della luce. Ciò è quanto aveva dimostrato Isaac Newton (1642-1727) nel 1666 con degli esperimenti sulla scomposizione e sulla ricomposizione della luce solare, da cui il nome del dispositivo.
Pagina del Museo Virtuale museo.liceofoscarini.it/virtuale/disconewtonrot.phtml
CataloghiVoce
Inv. 2016 777Disco di Newton          Numerazione provvisoria!
Inv. 1925a390Disco di Newton con roteggio
Inv. 1870666Disco di Newton con roteggio
Sezioneottica
VetrinaJ
Stato di
conservazione
Completo
Funzionante D
Integro
Larghezza20.0 cm
Profondità35.0 cm
Altezza70.0 cm
Materiali ottone, ferro, legno, cartone, vernice
Fonti
Battelli A. - Cardani C., Trattato di fisica sperimentale ad uso delle università, Francesco Vallardi, Milano, 1913, Vol. 2, pag. 216, fig. 166.
Besso B., Le grandi invenzioni antiche e moderne, Fratelli Treves, Milano, 1875, Vol. 1, pag. 308, fig. 301.
Clerc A., Fisica popolare, Edoardo Sonzogno, Milano, 1885, pag. 1007, fig. 724.
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1861, pag. 333, fig. 306.
Ganot A., Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Francesco Pagnoni, Milano, 1883, pag. 407, fig. 444.
Gelcich G., Ottica, Hoepli, Milano, 1895, pag. 154, fig. 83.
Giordano G., Trattato elementare di fisica sperimentale e di fisica terrestre, Stabilimento tipografico di Federico Vitale, Napoli, 1862, Vol. 2, pag. 267, fig. 244.
Milani G., Corso elementare di fisica e meteorologia, Editori della biblioteca utile, Milano, 1869, Vol. 7, pag. 140, fig. 90.
Privat Deschanel A. - Pichot, Trattato elementare di fisica, Fratelli Dumolard, Milano, 1871, pag. 714, fig. 702.
Resti E., Catalogo generale di apparecchi per l'insegnamento della fisica, Ditta Emilio Resti di Franco Brambilla, Pubblicazi, Milano, 1930, pag. 61, fig. 298.
Le indicazioni aggiuntive che integrano le voci relative allo stato di conservazione hanno il seguente significato:
(?) = forse completo; M = manutenzione; P = parziale; R = restaurato; D = usato per la didattica; NV = non verificato; X = verifica di funzionamento impossibile.