elettromagnetismo - Elettrodinamica
Ovo di De La Rive
SCHEDA TECNICA
INVENTARISTATO
Rocchetto di Ruhmkorfs modificato da Poggendorff, con due tubi di Geissler e un apparato per la rotazione della luce
Piccolo ovo elettrico
Piccolo ovo elettrico
1818Nº //
1838Nº //
P.A.56
1870299
1925b100
Completo
Danneggiato
Funzionamento NV
Dimensioni
BIBLIOGRAFIA & PRESTITI
DATABASE
Datazione: 1860 - 1861
Nel Museo A. M. Traversi - Vetrina Q
Descrizione          Funzionamento: spiegazione - verifica          Testi&Curiosità


Immagine, Malfi, © D 2008
Fonti
Ganot A. (1861) pag. 670, fig. 545
Jamin J. (1880) pag. 472, fig. 545
Joubert J. (1889) pag. 262, fig. 545
Milani G. (1869) Vol. 6, pag. 211, fig. 545
Murani O. (1906) Vol. 2, pag. 459, fig. 545
Privat Deschanel A. - Pichot (1871) pag. 572, fig. 545
Ròiti A. (1908) Vol. 2, pag. 396, fig. 545
 

Lo strumento fa parte del corredo del Rocchetto di Ruhmkorff (variante alla Poggendorff) Nº 332 ed è un particolare ovo elettrico (a vuoto) ideato dal fisico svizzero Auguste Arthur De La Rive (1801-1873) per riprodurre sperimentalmente l'aurora boreale secondo la sua ipotesi di sviluppo di tale fonomeno fisico.

L'elettrocalamita metteva in rotazione l'arco elettrico che si formava tra gli elettrodi alimentati dal rocchetto. In assenza del campo magnetico, il comportamento della scarica, non più ad arco, era invece identica a quella di un normale ovo elettrico.