Liquidi - Picnometri
Picnometro N° 675
SCHEDA TECNICA
INVENTARISTATO
Picnometro Regnault n° 355
Picnometro Regnault n° 355
1818Nº //
1838Nº //
P.A.Nº //
1870675
1925a398
Completo
Integro
Funzionante
Dimensioni
MATERIALI: vetro
BIBLIOGRAFIA & PRESTITI
DATABASE
Datazione: 12 ottobre 1901
Nel Museo A. M. Traversi - Vetrina D
Descrizione          Funzionamento: spiegazione - verifica          Testi&Curiosità


Immagine, Malfi, © D 2008
Fonti
Battelli A. - Cardani C. (1922) Vol. 1, pag. 197, fig. 127
Drion Ch. - Fernet E. (1877) pag. 79, fig. 127
Ganot A. (1883) pag. 74, fig. 127
Milani G. (1869) Vol. 2, pag. 75, fig. 127
Murani O. (1906) Vol. 1, pag. 247, fig. 127
Perucca E. (1937) Vol. 1, pag. 71, fig. 127
Ròiti A. (1908) Vol. 1, pag. 12, fig. 127
 

Il picnometro, parola composta dai lemmi greci pyknòs = denso e métron = misura, consiste in una fiala di vetro a colo stretto e a tappo smerigliato che serviva per la misura della densità sia dei solidi (generalmente ridotti in polvere) che dei liquidi.

Comunque fosse lo stato fisico della sostanza di cui si intendeva determinare la densità, erano necessarie tre operazioni di pesatura e quindi l'utilizzo di una bilancia di precisione. Sul vetro dello strumento, oltre alla tacca di riferimento per il massimo riempimento di acqua distillata, è incisa la scritta "50 Grammes 60º F".