ottica - specchi
Specchio concavo
SCHEDA TECNICA
INVENTARISTATO
Specchio concavo con montatura metallica
Specchio concavo con montatura metallica
1818Nº //
1838Nº //
P.A.Nº //
1870431
1925a258
Completo
Integro
Funzionante D
Dimensioni
MATERIALI: ottone, acciaio, legno, lacca
BIBLIOGRAFIA & PRESTITI
DATABASE
Datazione: giugno 1877
Nel Museo A. M. Traversi - Vetrina J
Descrizione          Funzionamento: spiegazione - verifica          Testi&Curiosità


Se l'oggetto è situato nel foco principale, non si produce veruna immagine; perché allora i raggi emessi da ciascun punto formano, in seguito alla riflessione, altrettanti fasci rispettivamente paralleli all'asse secondario condotto pel punto da cui sono emessi, e quindi non possono produrre né fochi né immagini (A. Ganot, Trattato elementare di fisica, 1861, pag. 307)

Immagine, Malfi, © D 2008
Fonti
Drion Ch. - Fernet E. (1877) pag. 643, fig. 596
 

Quando una superficie metallica viene lavorata in modo da appianarne al massimo le asperità, essa acquista capacità riflettente, diventa cioè uno specchio. Se la superficie metallica così lavorata ha la forma di una calotta sferica la cui bombatura entra rispetto al piano della cornice, allora si ottiene uno specchio concavo. Lo stante dello strumento è telescopico.