ottica - stereoscopi
Stereoscopio di Wheatstone
SCHEDA TECNICA
INVENTARISTATO
Un stereoscopio
Stereoscopio a riflessione
Stereoscopio a riflessione
1818Nº //
1838535
P.A.Nº //
1870181
1925a124
Incompleto
Integro
Funzionamento NV
Dimensioni
MATERIALI: argento, legno, carta, vetro
BIBLIOGRAFIA & PRESTITI
DATABASE
Datazione: 1839 - 1840
Nel Museo A. M. Traversi - Vetrina J
Descrizione          Funzionamento: spiegazione - verifica          Testi&Curiosità


Immagine, Malfi, © D 2008
Fonti
 

Charles Wheatstone (1802-1875) si occupò anche del meccanismo di visione e pubblicò un lavoro nel 1838 in cui descriveva il fenomeno secondo cui si poteva avere il senso della profondità osservando contemporaneamente due immagini (bidimensionali) dello stesso oggetto visto da due angolazioni vicinissime tra loro.

Egli inventò anche uno dispositivo a riflessione, lo stereoscopio = "vedo solido", di cui ideò un modello già intorno al 1832. Delle 4 coppie di disegni stereoscopici, ne mancano uno di sinistra e uno di destra relativi ad oggetti differenti.

Si noti che nemmeno due anni dopo la pubblicazione del saggio di Wheatstone, il Liceo commissionò e acquistò un modello di stereoscopio a riflessione! Da appena un anno occupava la cattedra di fisica il prof. Francesco Zantedeschi, particolarmente attento sia alla piena efficienza degli strumenti del laboratorio di fisica sotto la sua custodia che all'acquisto dei dispositivi all'epoca più innovativi sia per la didattica che per la ricerca.